Bali

Visitare Bali: partenza da Cuta

La cosa più bella di Kuta, e in generale di Bali, sono le onde: ottime per gli aspiranti surfisti perché ne troppo alte, né troppo basse.

Dunque dunque… una nota di colore: prima di partire per l’Indonesia, dall’alto della mia profonda ignoranza, credevo che Bali fosse una località, tipo una città sul mare…quindi è stato con sommo stupore che ho appreso invece che è un’isola con un proprio capoluogo, Denpasar.

Per visitare Bali la partenza da Kuta è sicuramente la scelta ottimale. Kuta è il centro turistico dell’isola, dove veramente ci sono un sacco di belle spiagge dove fare surf con un sacco di surfisti….praticamente ci sono solo bianchi!!! (Moltissimi australiani perché Bali resta uno dei posti più veloci ed economici da raggiungere dalla terra dei canguri)
La discoteca principale di Kuta è anche quella dove qualche anno fa avevano fatto un attentato facendola saltare; infatti adesso, di fronte al club c’è un enorme targa commemorativa con tutti i ragazzi che erano morti nell’attentato.

  • kuta
    Benvenuti a Kuta|

Appena arrivate a Kuta ci siamo accorte che tutte le macchine e motorini dell’isola erano agghindati con i loro doni…il nostro autista ci ha spiegato che in quei giorni cadeva la festa ‘dello spirito’ delle macchine e che si sarebbe anche celebrata una messa!

Abbiamo soggiornato a: Tanaya Bed&Breakfast. Ora, rispetto agli altri alberghi in cui siamo state e in proporzione al prezzo pagato, questo era il più caro e il più bruttino… le stanze anche molto piccole, quasi claustrofobiche, però è anche una regola non scritta che ‘più un posto è turistico, più ci marciano’.

I paesi/città centro della vita dell’isola, e percorribili dal primo all’ultimo a piedi in 20 minuti, sono Legian (dove eravamo noi), KutaSeminyak (che pare sia un po’ più d’élite).