san-diego

Visitare San Diego

Molte persone mi avevano detto che San Diego è una bella città a differenza di Los Angeles e infatti mi aspettavo un città con il sole tutto l’anno, calda e molto giovane. In effetti è stato proprio così, anche se quanto a degrado sociale, anche in pieno centro di pomeriggio, non è stata da meno rispetto a San Francisco e alla città degli angeli.

San Diego come tutte le alte città americane, e forse anche di più, non richiede giorni e giorni di visite…direi che per chi voglia solo farsi un’idea generale probabilmente 2 giorni sono anche troppi. Ciò non toglie che meriti davvero uno sguardo.

Noi avevamo la macchina e questo ha chiaramente aiutato gli spostamenti per San Diego, permettendoci di soggiornare in zone più defilate e meno costose. Abbiamo prenotato un grazioso motel nel quartiere di Chula Vista, su una delle colline che circondano la città. Proprio accanto avevamo la fermata della metro, o come lo si voglia chiamare che in 40 minuti ci portava proprio in centro, quindi direi molto comodo.

La prima giornata a San Diego è stata dedicata al riposo e al sole, grande assente di tutta la vacanza. Siamo andati in una delle spiagge nella zona di Mission Bay, dove per altro abbiamo trovato una delle più grandi aree per cani che avessimo mai visto. E fu così che finalmente ci abbrustolimmo su una rovente spiaggia californiana senza però entrare in acqua perché per me l’acqua dell’oceano è decisamente troppo fredda. Al tramonto siamo andati a fare visita alla zona di Point Loma dove sul molo abbiamo visto il sole scendere nell’oceano e li vicino siamo anche andati a mangiare in una zona hippy che ricorda tanto Venice Beach a Los Angeles. Il quartiere era molto bello e caratteristico, anche se non consiglierei ad una ragazza di aggirarsi sola la sera.

Il secondo giorno invece ci siamo dedicati alla visita della città: siamo partiti il mattino presto dal centro di San Diego e abbiamo percorso a piedi la strada attraverso la Old Town, la zona della Marina e poi ci siamo dedicati allo shopping del deludente quartiere di Gaslamp. Sicuramente ricco di negozi e centri commerciali, ma come previsto, qualcosa di già visto e rivisto.

Forse però la cosa che mi resterà più impressa di San Diego è l’alto stato di degradazione sociale, visibile anche in pieno centro: pazzi che urlavano, barboni che frugavano nei cassetti, gente storpia e tante facce poco raccomandabili.